domenica 17 giugno 2012

Terremoto EMILIA ROMAGNA,



terremoto Emilia Romagna





Sono tornata dopo tanto tempo, qui e stata una situazione di emergenza che ha segnato la vita di tante persone, ho avuto tanta paura, sentire tremare la terra in una maniera cosi forte, in continuo, anche se rispetto ai modenesi è più fortunato. Il mio paese SAN BENEDETTO PO ha settantatré sfollati anche qui tante case, sono inagibile. Il lavoro sì e fermato non si può stare senza lavoro dobbiamo lavorare per ricostruire. Prima le fabbriche dopo le case delle persone sfollate, qui si stano preoccupando più per le chiese e vero ci servono anche loro pero prima le fabbriche senza soldi non si mangia e l’economia ci risente aiutate le persone rialzarsi la gente che questo mese ha perso in sostanza tuto, e sembra che tuto non e ancora finito la terra continua a tremare ogni tanto, un po’meno rispetto ai giorni scorsi, si spera solo la sua fermata cosi si può ricostruire e rialzarsi presto. GRAZIE PER LA COMPRESIONE.

Un abbraccio forte a tutti -LILI

5 commenti:

  1. Non sempre faccio attenzione dove esattamente le amiche dei blog abiatano. Capisco bene il tuo dolore vedendo la tua terra distrutta e senza potere fare niente per cambiare la situzione. Quanto mi dispiace.
    Anche se in questo período ho tantissimo da fare (il collegio, la tesi, la casa, la famiglia...)sento mio marito (essendo lui italiano) seguire le notizie e raccontarmi tutte le disgrazie che stanno succedendo (non c'è modo di vedere finire le scosse). La famiglia e gli amici suoin stanno bene.

    Ad agosto andrò in Italia ( anche se non in Emilia Romagna), il turismo deve continuare in un paese che vive anche di questo, spero che tutti la pensino come me.
    Ti abbraccio forte e spero che possiate al più presto tornare al normale.

    RispondiElimina
  2. grazie mille per le tue parole di conforto ,fanno sempre piacere sentirle sei stata sempre presente un abbraccio forte lili

    RispondiElimina
  3. forza Lili, non sono situazioni facili, purtroppo la nostra italia va così.... ti sono vicina, tini duro!! speriamo che cessi presto questo terremoto e che dall'alto, i nostri governatori, facciano qualcosa... perchè la gente ha voglia di lavoro e di vita normale, c'è bisogno di riprendere.... e in fretta!!
    un bacio e un abbraccio

    RispondiElimina
  4. grazie paola ,ho tanta voglia di dimenticare e ricominciare lo avevo visto bruto ci rendiamo conto quanto valiamo noi siamo cosi piccoli,le persone che non ci parlavano da ani anno cominciato a salutarci, ci a reso un può più umili un abbraccio lili

    RispondiElimina
  5. coraggio Lili, tutta l'Italia vi è vicina in questo momento terribile che purtroppo non accenna a finire,sappi che vi penso e spero che vi risolleverete presto...voi siete il motore di questa nostra povera Italia!
    Forza!! Spero che seguiate l'esempio del Friuli e non di quello che "ci" hanno fatto qui in Sicilia, uno scempio senza fine! Paesi senza piu' la propria identità....casermoni e case che niente hanno a che vedere con la nostra cultura! Siate forti!
    Un abbraccio grandissimo
    Patrizia

    RispondiElimina

grazie per i vostri pensieri - lili